Ultrasuoni per l’estrazione dell’olio extravergine di oliva: Olearia Pazienza ha superato l’esame!

12 Dicembre 2018
L’Università degli Studi di Bari Aldo Moro ed il Politecnico di Bari, in collaborazione con alcune aziende pugliesi, tra cui noi di Olearia Pazienza, ha organizzato la prima giornata dimostrativa in Frantoio dedicata all’innovativo impianto ad ULTRASUONI per l’estrazione dell’EXTRAVERGINE di oliva. L’obiettivo della manifestazione, tenutasi il 6 dicembre 2016, è stato quello di condividere, con olivicoltori e frantoiani, i risultati del progetto PERFORM TECH, finanziato dalla Regione Puglia grazie agli aiuti a Sostegno dei Cluster Tecnologici Regionali per l'Innovazione. La giornata dimostrativa, realizzata con il supporto...
Continua

La ricerca collaborativa della Regione Puglia: il bando Innonetwork

12 Dicembre 2018
Il 10 settembre 2017, in Fiera del Levante, si è avuto un importante incontro in cui sono stati presentati gli importanti risultati del bando Innonetwork, promosso dalla Regione Puglia e che ha sottolineato l'importanza di innovare e voglia di sperimentare da parte delle imprese regionali, al fianco delle Istituzioni e del mondo accademico e della ricerca. Diverse imprese del territorio sono state coinvolte e hanno presentato il loro contributo. Tra queste, noi di Olearia Pazienza, che abbiamo offerto il...
Continua
olio di oliva

Come si classifica l’olio di oliva. Una piccola guida all’acquisto consapevole

11 Dicembre 2018
Non tutti gli oli di oliva sono uguali. Leggere bene l’etichetta è quindi molto importante. La normativa, in questo senso, impone un’etichettatura dalla quale sia possibile desumere il reale contenuto della bottiglia (o della lattina) e, soprattutto, classifica gli oli di oliva come segue: Olio extravergine di oliva: olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente da procedimenti meccanici. L’acidità non deve superare 0,8 gradi per 100 gr. di olio. Olio vergine di oliva: olio...
Continua
frittura

Cosa fare dell’olio di oliva dopo la frittura

9 Dicembre 2018
Diciamo la verità, la frittura ci piace da impazzire. Premesso che friggere con olio di oliva è la migliore scelta possibile, per via della sua capacità di meglio resistere alle alte temperature, caratteristica che si traduce in maggior benefici per la nostra salute, una domanda ci assale dopo aver soddisfatto il nostro palato: dove mettiamo l’olio utilizzato per la frittura? Un errore da evitare assolutamente è quello di buttarlo negli scarichi della cucina o del bagno. L’inquinamento che ne consegue...
Continua